«

»

Dic 10

CyberLove: no social … no love.

cyber love carderiNella società dei social anche l’amore e i rapporti interpersonali hanno subito una trasformazione.

Oggi i rapporti interpersonali cominciano con l’ammirare la foto del profilo di un perfetto sconosciuto.

Foto profilo su cui iniziamo a fantasticare e a investire. e allora postiamo foto e stati d’animo per attirare l’attenzione o semplicemente per comunicare un emozione nella speranza che il nostro o la nostra beneamato/a lo commenti o metta un “mi piace”.

Il tutto con una modalità ben lontana dalla sfera dell’intimità e del conforto.                                                                        

È pur vero che se tutto questo virtuale ci toglie qualcosa del rapporto umano … quello vero in carne ed ossa,  i social possono anche essere il primo passo per entrare in contatto con una persona, trovarsi e avviare una nuova conoscenza che può tradursi in amicizia di lunga data, in flirt o addirittura in matrimonio!

Ma come in tutte le medaglie anche questa ha il suo rovescio!!!

Tanto per cominciare i social veicolano i tradimenti e amare violazioni della privacy.

Se pur nell’era dei social network, un semplice “click” non basta per eliminare legami, basta però per  vendicarsi diffondendo, ad esempio, online le foto osé del proprio ex o diventare uno stalker.

Ma quando entriamo a far parte del circolo degli ex la vera e propria impresa è la rimozione del ricordo …. tutto, dalle frasi alle foto, dagli status ai giochi, può ricordarci l’ex e dimenticare diventa difficile.

Senza voler demonizzare Internet e la tendenza al social networking, è bene essere consapevoli che il cyber space  è un “luogo” dove spesso vige l’anonimato e dove dietro ad un nickname può nascondersi chiunque.

Attenzione quindi, ricordiamoci sempre ogniqualvolta accettiamo l’amicizia di uno sconosciuto che i social ci mettono alla mercé degli altri e in verità non sappiamo chi siano questi altri.

E se fossero malintenzionati? in fin dei conti, ognuno può, forte della possibilità di dissimulazione offerta dal contatto virtuale apparire ciò che in realtà non è!

 Dr.ssa Anna Carderi