«

»

Gen 22

Generazione L

generazione LCambiano i tempi e cambiano  anche le generazioni e il modo di vivere le varie fasi della vita. Mentre fino a poco tempo fa i Cinquant’anni segnavano un punto di arrivo oggi per molti sono un punto di partenza.                                           Mai come adesso l’età è poco più che un numero.

Uomini di 50 anni che ne dimostrano 40, a cui è vietato invecchiare, ingrigire ed ingrassare.

Il cinquantenne di oggi vuole restare giovane e lo fa aderendo ad uno stile di vita più giovane visto e vissuto come parzialmente più attinente a sé stesso.

Sono uomini che spendono fortune in botulino, in lifting, in diete, e in rimodellamenti vari.

È la Generazione L (Florenzano), una generazione che occupa i posti chiave dell’economia e della politica, spesso all’apice della carriera professionale e della realizzazione sociale.                                                                          Consumatori di griff, profumi e parrucchieri all’ultimo grido. Dediti alla ricerca di un corpo perfetto, ultimo baluardo attraverso cui dimostrare di essere ancora giovani.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 E se tutto ciò non bastasse a dimenticare l’età, la calvizia o un po’ di pancetta, si aumentano i momenti di svago da dedicare a sé ed a quello che piace o/e si parte verso i luoghi del divertimento e dell’oblio. Le mete più ambite sono quelle dei massaggi e delle spiagge. Si riscopre il fascino e il brivido della novità, della leggerezza.

Dietro tutto questo fare, andare, correre spesso si cela la Paura di non avere più tempo…                                              …. Paura di invecchiare.

La paura e l’ansia per l’incedere degli anni reattivamente può infatti trasformasi in un potente carburante per nuovi entusiasmi e inimmaginabili curiosità.

Per molti, quest’età  è l’inizio di una vita più consapevole, più serena, più facile da gestire e con più spazio da dedicare a se stessi e, la ricerca della giusta distanza dalle cose e dalla vita, attraverso la revisione di certi valori soggettivi, ci può regalare un nuovo e profondo senso di libertà.

 

 dr.ssa Anna Carderi