«

»

giu 22

La sessualità in gravidanza.

sessualità in gravianzaLa gravidanza è un evento capace di suscitare grandi gioie come grandi paure che si avvicendano altalenandosi nel corso dei nove mesi. Complici di queste oscillazioni emozionali gli ormoni come alcune convinzioni errate che riguardano proprio il sesso.

La gravidanza può diventare terreno fertile di un’infinità di preoccupazioni e paure spesso alimentate da false credenze come il pensare che i rapporti sessuali durante la gravidanza possano nuocere al bambino o stimolare parti prematuri. Tutto ciò inconsciamente scatena dinamiche di protezione che creano distanza fisica e minano il menage di coppia.

Al contrario, una gestazione scevra da false credenze e tabù costituisce un’occasione di crescita straordinaria che rafforza nella coppia il senso di intimità e progettualità e il desiderio di creare un clima di rilassatezza e di serenità atto ad accogliere il futuro nascituro che intensifica le occasioni di intimità tamponando le ripercussioni di un possibile calo del desiderio sessuale nella donna, alimentando così la sua disponibilità sessuale.

La gravidanza offre ai partner anche la possibilità di sperimentare nuove forme di sessualità e nuove fonti di piacere. L’aumentare del pancione e le limitazioni fisiche che esso comporta fa si che la coppia debba, infatti, cimentarsi in nuove posizioni sessuali.

Inoltre, si verifica un aumento della voso-congestione dei tessuti genitali con conseguente aumento della lubrificazione vulvo-vaginale, dell’elasticità dei tessuti e una facilitazione della risposta orgasmica che diventa più intensa e frequente che ottempera la riduzione della libido o lo scatenarsi una serie di malesseri specifici come la nausea o la stanchezza dato dall’aumento del progesterone

Aumenta il senso di appartenenza e di supporto, si è esponenzialmente più disponibile. I membri della coppia diventano più nutritivi sia verso la coppia stessa sia verso l’idea di genitorialità. 

Tutto ciò rende il rapporto di coppia e quello sessuale più soddisfacente.

40 settimane che mettono a dura prova la coppia nel trovare la giusta vicinanza e un nuovo equilibrio. 40 settimane in cui la coppia riscopre se stessa e si consolida come tale.

dr.ssa Anna Carderi


Share this article