Psicoterapeuta Sessuologo Roma

Spesso attuiamo estenuanti sforzi per continuare a restare saldi sulle nostre posizioni nell’utopistica illusione che la situazione migliorerà da sola. È come se in una giornata di sciopero continuassimo imperterriti ad aspettare l’arrivo del tram invece di incamminarci per la nostra direzione.
Nella paura di barattare il certo, seppur negativo, con l’incerto, seppur positivo, ci crogioliamo nel ricordo di ciò che abbiamo perduto invece di considerare i vantaggi che il nuovo può offrirci.
Insomma, che sia finanziaria, lavorativa, relazionale o di salute, la crisi ci sorprende sempre e ci mette a dura prova.

In queste situazioni l’obiettivo del lavoro psicologico è quello di aiutare la persona a ritrovare se stessa, riprendere contatto con la vita e con gli altri, attraverso nuovi modelli di adattamento alla realtà, sviluppando l’autostima, le risorse interne positive e la resilienza.

Il lavoro clinico consiste nel favorire un cambiamento a livello psichico e comportamentale, attraverso degli strumenti specifici che si implementano sulla relazione, l’ascolto e il contenimento.

La possibilità di condividere ed esplorare in profondità, con un professionista competente, i propri vissuti, le proprie ansie e debolezze e di capirle insieme, porta all’acquisizione di nuovi strumenti psichici e relazionali.

Questo è quello che “ordinariamente” accade nello studio di uno psicologo in una classica situazione clinica.

 

 

Share this article

Sull’orlo di una crisi d’amore: limerence

… chi di noi spinti dal desiderio per l’altro non ha sfogliato una margherita struggendosi nel pensiero del proprio amato e nel chiedersi m’ama .. non m’ama … sperare che nell’ultimo petalo risiedesse la positiva quanto reale conferma di essere ricambiati? Un desiderio di reciprocità che alimenta pensieri e gesti inconsueti che ci porta a dire …

Share this article

Read more

Sessualità performativa e doping sessuale

Oggi la sessualità pare essersi affrancata dall’affettività… … ci si attende che sia autonoma e autosufficiente e che venga giudicata solo in base al grado di soddisfazione che può arrecare (Bauman Z., 2004). Una sessualità performativa, basata sul fare per dimostrare, spaventosamente riduttiva e meccanica in cui conta solo la quantificazione disumanizzante del ‘quanto è …

Share this article

Read more