Psicoterapeuta Sessuologo Roma

Spesso attuiamo estenuanti sforzi per continuare a restare saldi sulle nostre posizioni nell’utopistica illusione che la situazione migliorerà da sola. È come se in una giornata di sciopero continuassimo imperterriti ad aspettare l’arrivo del tram invece di incamminarci per la nostra direzione.
Nella paura di barattare il certo, seppur negativo, con l’incerto, seppur positivo, ci crogioliamo nel ricordo di ciò che abbiamo perduto invece di considerare i vantaggi che il nuovo può offrirci.
Insomma, che sia finanziaria, lavorativa, relazionale o di salute, la crisi ci sorprende sempre e ci mette a dura prova.

In queste situazioni l’obiettivo del lavoro psicologico è quello di aiutare la persona a ritrovare se stessa, riprendere contatto con la vita e con gli altri, attraverso nuovi modelli di adattamento alla realtà, sviluppando l’autostima, le risorse interne positive e la resilienza.

Il lavoro clinico consiste nel favorire un cambiamento a livello psichico e comportamentale, attraverso degli strumenti specifici che si implementano sulla relazione, l’ascolto e il contenimento.

La possibilità di condividere ed esplorare in profondità, con un professionista competente, i propri vissuti, le proprie ansie e debolezze e di capirle insieme, porta all’acquisizione di nuovi strumenti psichici e relazionali.

Questo è quello che “ordinariamente” accade nello studio di uno psicologo in una classica situazione clinica.

 

 

Dalla limerenza alla violenza di genere.

Esiste un desiderio di reciprocità che alimenta pensieri intrusivi e gesti inconsueti che ci porta a pensare, dire e fare cose che esulano dal nostro quotidiano modo di rapportarci al mondo e ribalta i nostri piani … Uno stato emotivo e cognitivo nel quale la persona sente un forte desiderio di attaccamento al limite dell’ossessione, …

Read more

Ho scelto te e soltanto te. Le motivazioni che portano alla scelta del partner.

Cosa ci guida alla scelta di una persona piuttosto che un’altra? Partendo dal presupposto che l’amore non è cieco ma che anzi scegliamo l’altro con cognizione di causa, diversi autori si sono interrogati sulle variabili che intervengono nella scelta del partner (Simonelli 2002). Tralasciando questioni sociali, religiose, culturali, economiche, biologiche, neurochimiche, ecc., la scelta dell’altro …

Read more