«

»

Giu 04

Prostituzione, se e come parlarne ai nostri figli.

prostituzioneTalvolta mamma e papà si trovano a dare risposte ai propri figli non sempre facili.

Come quando, percorrendo in macchina strade i cui cigli pullulano di giovani donne svestite che vendono il proprio corpo agli affezionati offerenti, il nostro bambino ci chiede “chi sono quelle signore?? Cosa fanno??”

Superato l’imbarazzo, l’istinto è quello di preservarli da qualcosa che tanto apprenderanno lo stesso ma nel modo sbagliato, dal tam tam dei coetanei.

Allora come comportarsi?

Consapevoli che la favoletta dell’autobus o quella del fidanzato non arginerà la curiosa e imbarazzante domanda del nostro frugoletto, sarà molto più utile e sano affrontare il discorso, piuttosto che liquidarlo banalmente.

Avete mai pensato che  la mente di nostro figlio arrovellandosi sulle poche e balbettanti informazioni dategli o sull’ambiguità del nostro silenzio, dei nostri tabù e stereotipi potrebbe partorire idee morbose e squalificanti su di sé intrise di inadeguatezza e peccato e inficiare sulla sua autostima e sul senso che ha di sé?

I bimbi imparano quello che vivono!

Quindi se rispondiamo alle loro domande con imbarazzo, paura, insicurezza, vergogna o critica stiamo gettando i semi della loro timidezza, della loro insicurezza, del loro senso di colpa; per contro se parliamo con loro in modo chiaro, sincero, sereno, tollerante e disponibile, stiamo forgiando  il loro senso di giustizia, di amore, di fiducia in se stesso e nell’altro, creando così le  condizioni favorenti una crescita sana.

Inoltre, rispondere alle domande in modo consono e nella misura della loro richiesta, rispettando il loro bisogno di sapere e di conoscenza senza confonderli ancora di più, li rassicura rispetto alle loro emozioni e li preserva dall’impatto che le intense tensioni sessuali provocate dall’ostentazione e dall’esibizione dei corpi in strada potrebbero avere in chi è ancora immaturo per capirle e gestirle.                                                                                           In questo modo li proteggeremo da ciò che non sono ancora in grado di elaborare.

Assecondare la loro curiosità, rispondendo alle domande in maniera semplice e chiara, usando parole ed esempi comprensibili e adatti all’età è un occasione per insegnargli nel caso specifico il valore umano della donna e il rifiuto della sua mortificazione e mercificazione, introducendolo ai concetti di uguaglianza, di amore e di rispetto reciproco che accompagnano una buona sessualità.

Quindi, prima di chiedersi se il bambino è sufficientemente grande per parlare di prostituzione, sesso e quant’altro è meglio chiedersi se noi adulti ne siamo capaci.

A fronte di ciò quattro sono gli imperativi per rispondere in modo sano, funzionale ed efficace a questa e alle 1000 domande delle nostre giovani canaglie:

–       mai evitare  il discorso, anche se vi imbarazza;

–       mai rimandare le risposte a quando “sarà grande”;

–       mai stupirsi delle loro domande;

–       mai deriderli o compiacersi per i loro quesiti.

Ricordiamoci il silenzio crea solo danni, soprattutto perché i bambini le risposte se le danno comunque.

 dr.ssa Anna Carderi